giovedì 7 giugno 2012

Kiss and Run


Mi sono accorta di un grossissimo svarione da me medesima commesso. Il post Semper Fidelis. Era del tutto incompleto. Ho tralasciato di menzionare la cosa più importante. L’ambito in cui l’incostanza dilaga e si manifesta nella sua forma più irritante. Le vicissitudini sentimentali! Mi meraviglio di me stessa. Anche perché poi sono proprio quelle che hanno ispirato l'intera riflessione!

Per una qualche ragione il mondo è pieno di gente che ci prova con te con grande perizia per mesi e mesi e poi quando finalmente cedi (leggermente) alle lusinghe viene inghiottita da un gigantesco buco nero. O, nella migliore delle ipotesi, se ne sta lì fischiettando e guardandosi intorno per far finta di niente.
Gente che, con convinzione!, ti fa proposte, progetti, promesse e poi dal giorno successivo, amici come prima. O forse no.
Gente che prende coraggio, prende l’iniziativa.. e si chiama iniziativa proprio perché inizia ma non viene mai portata a termine.
Una donna saggia una volta mi disse: “Vedi, loro non sono in cattiva fede… Sono convinti di tutte le cose che ti dicono, e ci credono veramente. Solo che ci credono in quel preciso istante, nell’esatto momento in cui ne pronunciano i fonemi. Un minuto dopo il momento è passato. Per cui non è che ti ingannano o ti prendono in giro.. è solo che poi magari, dopo un pò, passa tutto in cavalleria!”
La più bella che mi sia mai stata detta da uno che, appunto, aveva preso l’iniziativa e poi era sparito giusto quella decina di giorni atta a farti comporre uno stock di taniche di benzina per dar fuoco alla sua stupidissima auto, (ma che poi, se gli scrivi, riemerge come se vi foste sentiti un’ora prima e lui se ne fosse uscito da una sfera magica come un Pokemon) è stata: “Non sono uno che bacia e scappa”. Credo per rassicurarmi dopo alcune legittime rimostranze..
Devo dire che questa mai l’avevo sentita e credo mai più la sentirò da nessun’altro essere umano finché campo. Almeno spero.
E poi, okay. Non sei uno che bacia e scappa. Sei solo uno che bacia e poi.. toh, guarda un canarino!!! e se ne dimentica.
Uno che non ha nemmeno le facoltà cerebrali per formulare un pensiero elaborato tipo “Ah! La frego! La bacio giusti così, tanto per fare, e poi sparisco!” No! Ha proprio l’idiozia di baciarti con cognizione di causa e poi farselo scappare di mente. E il peggio è che se glielo fai notare lui torna alla carica convinto, convintissimo, e ampiamente propositivo. Poi però… oh, guarda! Un pappagallo colorato!!! E se ne ri-dimentica.
Proprio l'altro ieri una mia amica si lamentava per una delusione sentimentale. E ho realizzato nuovamente quello che ho sempre saputo. Ovvero: non se ne fa un dramma per questioni stupide come "amore" e "sentimenti". E' solo la questione di principio del comportamento barbaro e incivile. "Non gli ho chiesto niente!! Ha fatto tutto lui e poi si comporta così". Senza saperlo la mia amica ha sfondato una porta talmente aperta che neanche al Colosseo. E' una questione di saper evolvere nella società tale noi la intendiamo. Nessuno ti chiede niente. Nemmeno di prendere un impegno. Ma se tu, di tua legittima e spontanea volontà lo prendi, poi almeno portalo avanti per  non so, 3 settimane? E' chiedere troppo?
Allora, tanto per togliersi pesi dallo stomaco ormai vintage poiché di un paio di anni fa.

Caro. Era meglio se baciavi  e scappavi. In un posto molto, molto, MOLTO lontano.
Perché tu hai fatto, ma io, se mi capiti a tiro nella giornata giusta, ti disfo.

37 commenti:

  1. giusto perchè non serbiamo rancore... :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noi? Mai! Cioè.. "io mi incazzo sul momento ma mica serbo rancore!"

      Elimina
  2. Ahahahahah

    Effettivamente, se devi scappare, scappa nel modo migliore che puoi. Perché se ti piglio poi son cazzi.

    RispondiElimina
  3. Risposte
    1. Nel caso in questione (e spero tanto che un giorna legga e si riconosca!!) la tua è la definizione più appropriata!;)

      Elimina
  4. ke posso dirti... a me non è mai capitato xò ho visto parecchi fare così con le mie amiche... evidentemente l'appetito non vien mangiando e se ne pentono subito dopo... capita anke questo... buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei fortunata! Tra le mie amiche si sfiora il 100%! Tutte abbiamo una nostra nemesi personale!:)

      Elimina
  5. Quante volte ho fatto anche io questa riflessione!
    E, ovviamente, ho avuto anche io il mio "senza di te mi taglio le vene"...
    ...
    ...
    ...
    "Ah, ciao, quanto tempo!".

    Ne scrissi anni fa su un vecchio blog dove sostenevo l'importanza delle parole perché poi uno ci crede e ci rimane pure male. Sono arrivata alla teoria della tua amica saggia: loro ci credono davvero in quel preciso momento. Solo che sono volubili (e idioti senza personalità) per cui si fanno trascinare da un alito di vento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai colto l'essenza e l'hai detta meglio di me!! Vedo che siamo sulla stessa lunghezza d'onda!

      Ma e questo vecchio blog è ancora reperibile?!? Mi piacerebbe leggerlo!!!

      Elimina
    2. Quel blog era su splinder, piattaforma ormai morta, e siccome era vecchio ho consegnato tutto all'oblio salvando sul pc solo qualche sciocchezza a cui tenevo.

      Elimina
  6. Sono contenta di sapere che almeno non sono solo io che mi becco tutti i tizi così xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No no, tranquilla ci sarà sempre almeno un'altra persona... IO!!!

      Elimina
  7. non ce la fanno...TROPPE informazioni da ricordare :D non si può pretendere TROPPO dal loro piccolo cervellino ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In più tu che sei un' insider e sai quanto piccolo sia il cervello in questione...

      Non c'è niente da fare.. tu hai scelto un D.B. nettamente migliore!!!

      Elimina
  8. Avrei tante di quelle storie a riguardo da raccontarti....

    RispondiElimina
  9. ma fare un minimo di (pre)selezione all'ingresso, no..?
    in questo racconto sembri la quint'essenza del candore, una via di mezzo tra heidi e biancaneve.
    impara l'arte e mettila da parte, mademoiselle.

    RispondiElimina
  10. Suppongo intendessi "quintessenza"!;)

    Cmq d'ora in poi la farò la pre-selezione, è che purtroppo in passato sono stata troppo democratica...

    RispondiElimina
  11. Non se ne salva uno che sia uno. Dobbiamo farcene una ragione. Mi piace il tuo blog, sono una nuova follower! Valeria

    www.luggageandhighheels.com

    RispondiElimina
  12. Niente male davvero.
    Post ironico e divertente, e te lo dico da ex esperto di fughe selvagge, ma dopo qualcosa in più di un bacio. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma vedi, quello è un altro paio di maniche! E' comprensibile! Rientra nell'ordine delle cose.. non so come spiegarlo!:) E' quasi normale, fa parte del gioco!
      E' la fuga prima di aver ottenuto qualsiasi cosa che mi sembra del tutto idiota e incomprensibile!

      Elimina
  13. Bel blog!
    Buona domenica! :)


    xoxo Mara

    RispondiElimina
  14. Ma allora non succede solo a me! Davvero, grande, potrei scrivere un manuale... comunque il cervello degli uomini, TUTTI funziona così
    ----> http://www.youtube.com/watch?v=RnxhOtO6FCE

    RispondiElimina
  15. Oooh....allora non sono l'unica!! Inizialmente credevo che la mia espressione arcigna e malvagia li mettesse in una soggezione tale da dover fuggire il più velocemente possibile, ma ora che ho letto il tuo post, ho capito che, beh, è tutta colpa della formattazione automatica del cervello maschile.
    Poverini, un po' di pena me la fanno....la vista a tunnel, la prostata ingrossata ed ora anche una memoria a breve termine inesistente!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' proprio un deficit neurocerebrale congenito, credo!
      In ogni caso sono contenta che sia un male comune perché pensavo di essere io a pescare sempre la feccia della società!:)

      Elimina
  16. Pensa se mi capiti sottotiro nella giornata sbagliata...

    RispondiElimina
  17. Uomini che tirano il sasso ma nascondo la mano = evirazione. Non si transige.XD

    RispondiElimina
  18. Ho letto questo imperdibile post solo adesso...
    Ho sempre pensato che il comportamento di certi..ehm..uomini sia a metà strada tra quello di un gatto che conserva l'istinto primordiale di cacciare anche se ha la ciotolina piena di prelibati bocconcini e quello di un bambino che, al supermercato, strepita e urla perchè vuole che la mamma gli compri un giochino, poi la mamma glielo compra e lui non ci gioca.
    Forse bisogna rinunciare a capire :-)

    RispondiElimina