martedì 14 febbraio 2012

Premessa



Pochi giorni fa, guidando, un flash! No, non intendo l’autovelox, intendo un’illuminazione.. Non so perché ma la macchina mi fa questo effetto! Di colpo mi rendo conto che “ehi, ma tra poco è S. Valentino!!!” Non che non me ne fossi accorta prima… tra amiche che quest’anno causa mancanza materiale umano non festeggeranno avevamo già ampiamente discusso dell’imminente evento. E nei supermercati ero già stata bombardata da pacchianissimi cuori rossi, fiori scadenti e confezioni regalo di profumi da 4 soldi. L’illuminazione sta nel fatto che mi è venuto in mente in quel momento che avrei dovuto occuparmene qui nel blog. Del resto, onestamente... pensavate che avrei potuto soprassedere?!? Ecco, appunto! In più, sempre in macchina, mi sono ricordata anche che S. Valentino fu proprio il tema centrale del mio primissimo articolo pubblicato, ancora ai mitici tempi del giornale dell’università. Segno del destino o ironia della sorte? In ogni caso vista l’importante ricorrenza e complice la vague nostalgica ho partorito ben due riflessioni ed è quindi subito scattata la nevrosi: quale scrivo e quale lascio da parte?!? Perché la prima è intrisa di bontà e la seconda di cinismo. Sì perché si scrive cinismo e non cinicità, come qualcuno mi scrisse una volta.. Allora ho deciso di fare così: per stavolta non dirò niente di negativo su San Valentino (anche perché è già stato detto tutto il dicibile, sarebbe come sparare sula Croce Rossa) anche per rispetto nei confronti dei meno fortunati che sono obbligati a festeggiare, ehm, di tante coppie di miei amici che adoro e che, più che giustamente, oggi festeggiano! Quindi facciamo così: oggi pubblico questo eccesso di buonismo che immediatamente disconosco. Nei prossimi giorni invece vi ammorberò nuovamente ma stavolta con qualcosa di più acido. Del resto non è mai stato il mio lato caritatevole a rendermi popolare…

5 commenti:

  1. Beh non si può pretendere troppo!!;)

    RispondiElimina
  2. Cinicità.....mi hai ricordato che una volta la mia insegnante di italiano ha sottolineato errore cinismo per sostituirlo con cinicità...il mondo è pieno di idioti!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli insegnanti che ti correggono cose giuste sono insuperabili...

      Elimina