lunedì 7 maggio 2012

13h09 - Stalkers get stalkered while stalking


Tutti hanno un talento.
Alcuni dipingono. Altri eccellono in uno sport. Qualcuno fa complessi calcoli a mente. Ci sono ragazze bellissime che sfilano come dee. Uomini che più che talento musicale, hanno un dono.
In mancanza di tutto ciò suppongo si possa considerare "talento" anche solo il rendersi conto dei propri limiti e quindi evitare di spacciarsi per modella se decisamente non se ne hanno le fattezze o di esibirsi in pubblico se si è più stonati di una campana amica del Gobbo di Notre Dame. Le orecchie ringrazieranno.

Il mio talento è lo stalking.
Ovviamente non sto parlando di vero stalking, di tipi strani appostati in auto sotto alle tue finestre,  di ex ingombranti o  colleghi molesti.
Io parlo di quello che definirei soft-stalking, l’arte assoluta. Arte che seconde me, poi, è prettamente femminile. L’uomo magari ha lo scatto, il raptus, l’arrabbiatura fulminante, ma la donna ha costanza, perseveranza e una predisposizione mentale al''ossessivo compulsivo che non ha eguali. Tutte cose che la rendono decisamente più pericolosa..
Quali sono le doti del bravo stalker? Innanzitutto, una mentalità scientifica. E poi un briciolo di creatività perché come dico sempre, noi stalker siamo artisti! Mettiamoci dentro anche una punta di fiuto investigativo, che ci sta sempre bene, e tanto, tanto intuito.
In più, contrariamente alla credenza comune, che attribuisce le nostre piccole manie di persecuzione ad una certa abbondanza di tempo libero, le attività di stalking fanno perdere molto meno tempo di qualsiasi altro hobby o passatempo.  Del resto al giorno d’oggi, grazie ad internet ed ai suoi ritrovati, "fare ricerca" è diventato molto più semplice. Tutto, o quasi tutto, è alla portata di tutti. Certo, come ho detto prima, bisogna saper lavorare ed io, modestamente, devo avere una predisposiziona naturale! Le mie doti vengono peraltro ampiamente riconosciute dalla comunità, per cui non è infrequente che riceva sms del tipo: “Ho un nome da farti controllare. Poi te lo mando.” Oppure che torni a casa da un aperitivo con un pizzino pieno di nomi di squinzie (o presunte tali) sulle quali bisogna documentarsi. Diciamocelo, grazie a facebook&Co si possono estrapolare dati ed informazioni potenzialmente su chiunque. Nessun profilo blindato è al sicuro. Ci sarà sempre qualche amico esibizionista dal profilo aperto, ci saranno sempre foto in comune, commenti ecc.. Di clic in clic arrivi ovunque. Poi chiaramente ci sono anche motori di ricerca migliori di altri, siti particolari da cui attingere, ma non vi svelerò tutti i trucchi del mestiere! Vi basti sapere che avevo preso di mira una persona. Per ottimi e validi motivi. Beh, più o meno.. Ma era una cosa così, in simpatia. Volevo.. saperne di più! Ho trovato, sempre nella legalità più ampia, senza dover hackerare sistemi o altro, così, spiaggiati tranquillamente su Google, il suo curriculum, i suoi studi (dalle elementari fino all’università), le varie esperienze lavorative, indirizzo di casa, nomi dei migliori amici e relative posizioni lavorative, occupazione e recapiti di entrambi i genitori, numero di cellulare di fratellame e sorellame vario ed eventuale. Per ogni membro della sua famiglia, volendo, una foto. Inutile dire che non ho mai usato niente. Qualche goliardata l’avrei anche fatta ma sono troppo pigra per passare all’azione.
Oppure. Una mia amica ce l’aveva con la fidanzata di uno con cui non era nemmeno mai uscita. Mi sembrava assolutamente legittimo. Ho tirato fuori dal cilindro telematico perfino il numero di cellulare della madre di lei. Ci avrebbe permesso di fare un grandioso scherzo telefonico ma invece niente. Zero. Nada. Due rammollite.. Comunque mi sono tenuta l’indirizzo del posto dove lavorava il suo ex, che era un gran figo! Non si sa mai.. è sempre bene avere qualcosa in archivio!!

C’è un solo piccolo hic.. Crea dipendenza. Ci sono stati periodi in cui ho pensato di essere finita nella spirale dello spionaggio privato. Momenti in cui mi sentivo borderline. Attimi in cui la polizia postale era il mio nemico numero 1. 
Riuscire nell’opera di dossieraggio ti dà una profonda soddisfazione. Ed è anche divertente. E la reazione “Mi fai paura!” delle amiche ti inorgoglisce parecchio. Però a parte i frizzi e i lazzi onestamente a volte ti fai paura. C’è questo lato inquietante, questa zona oscura nel cervello femminile che facilita la memorizzazione di nomi, facce, orari e targhe automoblistiche. E che ti fissa su un target facendoti entrare in una vera e propria spirale psicotica. In fondo tutti gli alcolizzati hanno iniziato con uno spriz. Tutti i giocatori d’azzardo hanno iniziato con una schedina del Totocalcio. Tu hai iniziato con una googlata. E un giorno ti rendi conto di avere forse un problema. Tipo quando vedi una persona in un posto ad un’ora e poi noti che tendi a passare a quella stessa ora, in quello stesso posto, per  verificare i tuoi dati. Avete indovinato? Non era l’una. Non era una generica una e un quarto. Non era una banale una e mezza! Erano le “tredici-e-zero-nove”, per dirla come i marines. Le 13h09. E per carità, ora segnata sul display della mia auto, per cui occhio a non andare in città con l’altra macchina! Ti rendi conto solo un filo dopo della enorme stupidità della cosa.
Una mia carissima amica, ancora fuori di sé per via di uno con cui era finita ormai 8 mesi prima, se capitava l’occasione, passava sotto casa sua e valutava l’apertura o meno delle serrande, l’accensione o meno della luce in rapporto all’orario.. in rapporto alle stesse abitudini.. in quello stesso orario.. nel periodo in cui si frequentavano! “A quell’ora di solito era sempre a casa! Perché adesso invece ha le serrande chiuse?!? Che starà facendo?” E giù di ipotetici scenari fantascientifici.

Questi due avvenimenti mi hanno convinta che era giunto il momento di smettere (o di crescere?), perché visto dall'esterno lo stalking non è più un'arte affascinante. E' semi-follia.
Ora mi sento come un ex agente della CIA. A riposo, ma in latenza, sempre pronto all’azione. Lavoro sporadicamente su commissione di qualche amica. Utilizzo il mio duro addestramento e la mia pluriennale esperienza per scopi umanitari, diciamo. Faccio del bene attorno a me.
Ogni tanto però ho nostalgia dei vecchi tempi in cui avevo licenza di uccidere. Perché poi l’ironia della sorte è che alle tue “vittime” ti affezioni. Le conosci. Conosci le loro famiglie. Ogni tanto fai un giro a vedere come stanno, cosa fanno, così, per ricordare i vecchi tempi!

Ve l’ho detto.. è una spirale di follia.



53 commenti:

  1. ah ah, grandiosa! U agente della CIA in riposo, come in "RED"!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Praticamente! O anche come Ashley Judd in “Missing”!!

      Elimina
  2. Scusa ma fatti assumere da qualcuno, no? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda che c’ho provato!! Solo che nel curriculum “stalker a livello psicopatologico” non sta troppo bene!!! Comunque dovrei proprio trovare modo di sfruttare le mie capacità!!!

      Elimina
  3. Tu sei patologicamente fantastica! E una quindicina d'anni fa, quando internet non esisteva ancora (o almeno non per me) anch'io avevo queste tendenze ma avevo metodi molto più terra terra rispetto ai tuoi algoritmici...
    Comunque quella appostata sotto casa tua nel furgoncino volkswagen a fiori sono io. :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah quella con l’antenna parabolica sul tetto? Che guarda dal finestrino col binocolo e le cuffie?
      Peccato, già speravo fosse qualche ammiratore…;)

      Elimina
  4. Vorrei poterti dire che sei fuori, ma ahimè. Mi sa che ormai lo facciamo tutte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero! Le mie amiche sono tutte più o meno su questi livelli!!

      Elimina
  5. Niente male questa versione "sorvergliante speciale". :)
    E concordo con Siborney, ti ci vedo come in Red! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devo dire che (sempre nella mia psicopatologia galoppante!) lo prendo come un gran complimento!!:)

      Elimina
  6. Anni fa, direi almeno otto/nove, io e il mio Best organizzammo un operazione di spionaggio battezzata "Operazione doppie punte" ai danni del suo parrucchiere, piuttosto piacente devo ammettere. Non vedendolo mai visto nei locali gay di norma da noi frequentati ci eravamo insospettiti ed incuriositi. Con tanto di blocco appunti abbiamo passato alcune serate appostati sotto casa sua, senza risultati purtroppo.

    Un leggero e velato stalking lo faccio anche io. Solo nei confronti dei miei più acerrimi nemici (tutte donne) per assicurarmi che continuino ad essere più sfigati di me!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch’io ho avuto una “operazione doppie punte”!!! Stalking nei confronti di ex-fidanzate varie di un pirla che usciva sempre con gente dai grossi problemi tricologici!!! A parte la sottoscritta che ha seppur brevemente rappresentato un grande salto di qualità!

      Ma poi il parrucchiere era gay o no? Anche perché un parrucchiere etero l’ho raramente incontrato, a dir la verità!!!!

      Elimina
    2. Più gay di Enzo Miccio, chiaramente. Dopo aver dichiarato chiusa la missione il parrucchiere ha fatto outing e da lì s'è trasformato in un'enorme sgualdrinella!

      Pft, che sgallettate quelle che vogliono competere con i tuoi capelli biondi!

      Elimina
    3. E senza speranza, tra l'altro!! Cioè, voglio dire.. al di là di tutto io almeno li lavo e li pettino!! 'Ste troglodite...

      Elimina
    4. Ti tolgono pure il piacere della competizione!

      PS Ti trovo su FB?
      Se ti va aggiungimi, io sono Mareva Longstocking

      Elimina
    5. Originariamente avevocreato il profilo fb per appaiarlo col blog.. Poi per chiedere le amicizie c'ho messo il mio vero nome e lì è rimasto!
      Ti mando una richiesta di amicizia, così scoprirai la mia identità segreta..;)

      Elimina
    6. Grazie, gongolo tutta!

      Elimina
    7. Addirittura! Adesso avrai uno spaccato della mia vita quotidiana!;)

      Elimina
  7. Più ti leggo più ti vorrei leggere!Mi fai ridere con intelligenza, tanti complimenti!

    fredshion.blogspot.com

    RispondiElimina
  8. Strepitosa, sai far ridere con intelligenza e non è da tutti, tanti complimenti!

    fredshion.blogspot.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille per entrambi i commenti!;)

      Elimina
  9. Se mai dovessi aver bisogno di informazioni su qualcuno allora so chi chiamare!!! :)
    potresti metter su un'agenzia di investigazione privata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Yeah! Sono sempre pronta per una buona causa!
      Dovrei sì! In più adesso metter su una società non costa solo un euro? Non c’è neanche bisogno del notaio!! Fatta!

      Elimina
  10. wow, effettivamente un po' fai paura... però sono cose che possono tornare utili, magari un domani anche per lavoro! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E anche per gli aperitivi con le amiche!

      Elimina
  11. Io sono stato rovinato da Rubicon e da altre apparizioni dei servizi segreti nelle serie tv (Pan Am, Romanzo Criminale, ecc). Ora mi credo tagliato per quel mestiere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uno dei miei film preferiti è Nikita… soprattutto la scena al Danieli in si mette a montare l’arma di precisione in bagno! Non dico altro!

      Elimina
  12. Non so se si può annoverare tra il soft stalinkg, ma in quanto a perseveranza pure io ne ho da raccontare. Una su tutte. C'era questa mia ex compagna di classe, antipatica come la merda sotto le scarpe, una ragazza talmente fine da essersi meritata il nomignolo di "muratora" (affibiatole da me). Ovviamente non gliel'ho mai detto in faccia, siamo pazzi, quella era grossa il triplo di me. Comunque, mi è sempre stata profondamente sul cazzo. Per fortuna il liceo è finito 4 anni fa, ma il rancore no. Così, l'anno scorso ho creato un account facebook maschio e mi sono messa a corteggiarla. La scema c'è cascata come un'idiota. Morale della favola? Le ho fissato un appuntamento, e al posto del tipo ho lasciato un mazzo di fiori con un bigliettino che recitava così: "Ma chi ti si incula, idiota!".
    Poco lontano, io e la mia amica osservavamo la scena spanciandoci dal ridere. Vaffanculo, imparano a tentare di fare bullismo su di me.U.U

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Muratora!! Doveva essere aggraziata.. Cavolo io non ho mai fatto niente del genere, mi sento una fallita! Ma.. e lei non ha mai avuto sospetti su di te?
      Massimo rispetto, veramente!

      Elimina
    2. No, non ha mai sospettato di me..Pensava fossi una povera sfigata incapace di ribellarmi..XD
      Lo rifarei mille volte, e anche in modo più subdolo e perfido!XD

      Elimina
  13. Mi sono sinceramente spaventata...
    Ma non abbastanza: posso linkare il tuo blog nel mio?
    Abbiamo anche lo stesso sfondo color fucsia!
    :)
    Ester

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo che puoi! Ieri ho visto il tuo blog dal cellulare!! Non ho fatto caso al modello! Comunque ce ne sono vari che hanno lo stesso nostro!!! Pensavo di essere molto più originale, onestamente…;)

      Elimina
    2. Io sono passata dalla mania del giallo a quella del fucsia... e la cosa mi preoccupa parecchio: secondo me è un cambiamento involutivo.
      Evidentemente, le bloggers pinkeggianti non resistono a questo modello!!!
      :)

      Elimina
  14. Ahah! Io di una sono riuscita ad entrare nella mail, talmente la gente è banale nello scegliersi le password ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se era così banale potevi cambiargliela!
      No, io amo considerarmi alla stregua dei truffatori gentiluomini per cui approfitto solo delle informazioni che la gente, graziosamente, elargisce di sua spontanea volontà sul web! Non mi spingo mai oltre la soglia del penalmente rilevante! Ho una deontologia professionale!

      Elimina
  15. oh MAESTRA!!!...sono sempre stata una tua ammiratrice e "allieva"...infatti mentre CERCAVO INFORMAZIONI sul "prof. figo"...ho trovato il suo codice fiscale e da lì sono risalita alla data di nascita!! ok...sono ancora lontana dai tuoi livelli...ma è un inizio ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. BRAVA!!! Sono fiera di te o mia allieva prediletta!!! Certo, se queste informazioni sul prof. figo si concretizzassero in qualcosa di utile per la sottoscritta sarebbe ancora meglio...;)
      Comunque, una chicca per la mia pupila.. Memorizza le targhe!!! Poi ti spiego come si utilizzano...;)

      Elimina
  16. dai ti sfido!!!! aspetto una tua mail! o una telefonata!!!!!! :P

    RispondiElimina
  17. Bene ho giusto due o tre nominativi da comunicarti...non è che puoi aggiornarmi sui loro trascorsi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah se vuoi, sono qua! Tenendo conto che non tutti sono sempre reperibilissimi ma.. si può fare un tentativo!;)

      Elimina
  18. per quanto tu sia a riposo, ti considero ancora fuori di testa :) però efficiente, efficace e utile per cui mi tocca tenerti lo stesso! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Appunto! Ti devo forse ricordare un paio di persone che ho stalkerato per te nel corso degli anni? O che ho tenuto monitorate in tua assenza?;)
      Ecco!!:P
      Certo, se poi le cose che trovsu Google a volte non ti piacciono, non è colpa mia...:P:P:P

      Elimina
    2. Per un attimo mi ero pentita della mia risposta perché so che potevi tirar fuori scheletri dal mio armadio sull'argomento... Sei stata buona!

      Elimina
  19. Spesso parlando con mia cugina - con la quale ho messo in atto tra le migliori tattiche di stalking durante l'adolescenza - ringraziamo il fatto che non ci fosse Facebook quando eravamo delle teenager.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io lo dico spesso.. la vita era più facile una volta, senza tutti questi social network!!

      Elimina
  20. Io stalkeravo quando andavo a scuola, grazie anche al preziosissimo aiuto delle bidelle e del segretario...in questo modo ho trovato indirizzi, numeri di telefono ed orientamento politico di tutti quelli che mi piacevano....ed ora con Facebook è ancora più facile!
    Ma in confronto a te, io sono una semplice wannabe!!
    Quando ho letto la frase "Ora mi sento come un ex agente della CIA" mi è venuto in mente Robert De Niro in "Ti presento i miei"!.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda che bidelli e segretari sono sempre stati di un'importanza fondamentale in ogni percorso scolastico!! Anche se io ai tempi del liceo ero molto più tranquilla di adesso, in realtà...

      Elimina
    2. eppure mi hai convinta
      voglio intraprendere questa carriera
      mi sento pronta

      Elimina
    3. Beh, i bidelli erano di fondamentale importanza: noi avevamo addestrato la nostra ad entrare nei momenti di sorteggio delle interrogazioni dicendo che i vigili stavano mettendo la multa alla macchina del professore...peccato che quella di storia dell'arte ci ha beccati, perchè lei quel giorno era venuta a scuola in bicicletta!!

      Elimina
  21. Are you looking for free Google+ Circles?
    Did you know you can get these AUTOMATICALLY & ABSOLUTELY FREE by registering on Like 4 Like?

    RispondiElimina